Robot aspirapolvere a confronto

Qual è dunque il robot aspirapolvere perfetto per le mie esigenze?

|

Di robot aspirapolvere in commercio ce ne sono a palate.  Di fronte ad un’offerta così ampia, mantenere una visione d’insieme e far ricadere la scelta sul modello giusto è tutt’altro che semplice.  Per questa ragione abbiamo testato per voi sei fra gli esemplari di robot aspirapolvere in cima alla classifica delle vendite.  La valutazione a cui abbiamo sottoposto questi elettrodomestici si è incentrata su precisi aspetti: la loro capacità di evitare gli ostacoli, la potenza di aspirazione, il livello di rumorosità e quel che è in grado di fare l’app.

I prodotti sottoposti ad esame.

Per effettuare il nostro test i produttori hanno messo a nostra disposizione i seguenti modelli:

Dyson 360 Eye
Electrolux PUREi9
iRobot Roomba 980
Samsung Powerbot VR7000
Scout RX2 Miele
Ecovacs Deebot Ozmo 930

*** Nessuno dei produttori ha corrisposto un compenso per l’esecuzione dei test.  I risultati dei test riflettono al 100% il mio giudizio in merito ***

La prova su video

In questo video abbiamo fatto scendere in campo tutti e sei i modelli su un percorso ad ostacoli.  L’impostazione data al test mirava ad evidenziare il comportamento di ogni singolo modello dinanzi ai diversi ostacoli e alle diverse concentrazioni di sporco.  Per questo motivo abbiamo predisposto lo spazio di verifica come indicato sotto:

– Farina – per simulare la presenza sul pavimento di povere a grana fine (o della stessa farina).
– Zucchero – per riprodurre la presenza di polvere a grana grossa.
– Un cuscino – a simulare la presenza di un ostacolo / elemento decorativo leggero che si vuole rimanga il più possibile nel medesimo posto.
– Un bicchiere d’acqua – per quanto possibile si dovrebbe evitare di farlo rovesciare; potrebbe anche essere impiegata una candela accesa.
– Il supporto di una lavagna a fogli mobili – simula la presenza di una sedia o tavolino da salotto

Nel video che segue avrete modo di osservare in che modo i modelli testati hanno gestito il percorso.  Abbiamo realizzato il video montando di volta in volta consecutivamente le sequenze riferite allo stesso ostacolo, per far sì che si renda possibile un confronto diretto.

Dyson 360 Eye

Il robot aspirapolvere dell’azienda produttrice britannica Dyson si presenta col suo caratteristico stile raffinato che caratterizza il marchio.  Tra i campioni testati il 360eye è il robot più compatto, per ciò stesso di poco più alto degli altri contendenti.  All’interno della confezione, accanto al robot, sono presenti una stazione di ricarica richiudibile ed un alimentatore.  Finito.

App.
L’app, disponibile sia per dispositivi iOS che Android,  è di facile installazione e perfettamente comprensibile.  Durante il test non abbiamo avuto alcun problema con il collegamento del robot alla rete wireless prima e poi con l’applicazione.  Attraverso l’app, ad esempio, è possibile programmare il robot per eventuali pulizie pianificate o modificarne le impostazioni.  Interessante è anche la possibilità da parte dell’app di tracciare una mappa dell’abitazione oltre alla piantina che illustra il percorso effettuato dal robot.  Mediante applicazione, l’utente può anche passare dalla modalità di pulizia “silenziosa” a quella “max”.

Capacità di aspirazione.
Il marchio Dyson è fra le altre cose sinonimo di elevata potenza di aspirazione, invariata per tutti i modelli, incluso il 360 Eye.  Nel nostro test ha avuto la meglio sia con lo zucchero che con la farina, senza problemi.  La spazzola-rullo del robot Dyson occupa quasi tutta la larghezza del dispositivo, riuscendo a catturare un grosso quantitativo di polvere in un solo passaggio ed evitando perciò di fare innumerevoli giri sulla stessa superficie.  Quel che manca però al 360 Eye è una spazzola laterale capace di rimuovere con maggiore efficacia la polvere dagli angoli o dai battiscopa.

Rumorosità.
Abbiamo testato il modello in modalità MAX su un tragitto di 2 metri, rilevando una potenza sonora di 69 db,  corrispondente più o meno all’intensità acustica di una normale conversazione.  Chi lo preferisce più silenzioso, attraverso l’app può passare alla modalità Silence; e questo implica che si riduca la potenza di aspirazione, mentre aumenta l’autonomia della batteria.A proposito, attraverso l’applicazione, Dyson 360 Eye può essere attivato anche da remoto; in tal caso, in un certo senso, il problema della rumorosità non interessa più.

Riassumendo

Dyson 360 Eye è un prodotto che convince, sia per quel che concerne il design e la fabbricazione, ma anche in ordine a prestazione e funzionalità.  Questo robot aspirapolvere non smentisce in nessun modo la fama del marchio Dyson, né dal punto di vista delle prestazioni, né da quello del design.  Quanto al prezzo, Dyson non è più costoso di altri modelli di punta, piuttosto si muove all’interno della fascia medio-alta.  Il funzionamento dell’app è ineccepibile, l’installazione estremamente semplice.  Questo modello di aspirapolvere rientra fra i miei preferiti.

Caricamento in corso.

Nessuna informazione sul prodotto trovata.

${ productMain.product_title }

CHF ${ productMain.price }
Vai al negozio

Prodotti correlati

Electrolux PURE i9

Il design del Pure i9 ha un nonsoché di futuristico, la forma triangolare incontra il mio personale gradimento, oltre ad essere funzionale alla maneggevolezza del dispositivo.  Realizzato in modo pregevole con forti tratti di robustezza, non vacilla proprio per niente.  La confezione contiene, oltre al robot, la stazione di ricarica, il caricabatterie, una spazzola laterale più una spazzola di ricambio.

App.
L’app di Electrolux è disponibile sia per Android che per iOS e molto facile da usare.  Personalmente non ho incontrato alcun problema nell’installazione e immediatamente ho preso dimestichezza con l’app.  Attraverso applicazione è possibile avviare, mettere in pausa e fermare il Pure i9.  Il dispositivo può anche essere indirizzato verso la stazione di ricarica o programmato per pulizie pianificate.  L’app del Pure i9 è in grado di tracciare una mappa digitale della superficie da pulire, e se lo si desidera, si può richiedere che il dispositivo effettui una pulizia puntuale in base alla piantina.

Capacità di aspirazione.
Testato nella sua efficacia dinanzi alla farina e allo zucchero sparsi sulla superficie da pulire, il Pure i9 non ha evidenziato problemi, sebbene la spazzola laterale inizialmente abbia un po’ sparso lo “sporco”, di cui il robot ha poi rimosso le tracce in un passaggio successivo.  Grazie alla succitata spazzola laterale il robot a marchio Electrolux raggiunge senza problemi la polvere accumulata negli angoli o tira fuori quella che si deposita sotto i mobili molto bassi.

Rumorosità.
Come la gran parte dei modelli, anche il Pure i9 dispone di diverse modalità di funzionamento, con effetti diversificati nella capacità di aspirazione e, di conseguenza, sulla potenza sonora.  Durante il test l’apparecchio, coprendo un tratto di 2 metri circa, produceva una potenza sonora di 59 db, corrispondente all’incirca a quella di una strada tranquilla.  Mentre l’aspirapolvere è in funzione, è possibile dunque anche conversare senza problemi. Se tuttavia il rumore dovesse risultare fastidioso, c’è sempre la possibilità di azionarlo da remoto mediante app, quando si sta fuori di casa.

Riassumendo

Il PUREi9 di Electrolux mi piace molto dal punto di vista estetico, le sue prestazioni sono valutabili in termini positivi e l’app è davvero valida.  Il PUREi9 può essere attrezzato e messo in funzione in pochi minuti. Il suo procedere in maniera super scorrevole è la ciliegina sulla torta.  Ho l’impressione che, fra tutti gli apparecchi testati, il robot di Electrolux sia quello che si muove con maggior cautela e delicatezza.  Benché nel corso del test abbia di fatto sfiorato gli ostacoli, nessuno di questi è risultato visibilmente spostato, il che mi induce a raccomandarlo assolutamente a tutti coloro i quali amano disporre sul pavimento oggetti d’arredo decorativi o anche vasi di vetro.  Relativamente al costo, il PUREi9 si colloca nella fascia più alta, ma va detto che il prezzo è assolutamente giustificato.

Caricamento in corso.

Nessuna informazione sul prodotto trovata.

${ productMain.product_title }

CHF ${ productMain.price }
Vai al negozio

Prodotti correlati

iRobot Roomba 980

Il Roomba 980 è il modello di punta dell’azienda americana iRobot.  Il design lo definirei sobrio e tuttavia elegante.  Dal punto di vita della fattura, quella del Roomba 980 è certamente ottima, e non ci si potrebbe aspettare altro con un costo che raggiunge all’incirca i 1.000 CHF. L’iRobot si accompagna ad un gran numero di accessori forniti in dotazione: accanto al cavo elettrico, alla stazione di ricarica e al robot, l’acquirente può avvalersi della disponibilità di un filtro e di una spazzola laterale di ricambio, nonché di due lightwall.  Le lightwall ossia le barriere virtuali vengono impiegate al fine di escludere determinate zone dall’azione pulente del dispositivo.  Sono alimentate da due batterie AA ciascuna.

App.
L’app è assolutamente chiara e ben strutturata dal punto di vista della logica, cosicché è possibile da un lato un suo utilizzo intuitivo, dall’altro la semplice gestione del robot.  L’app controlla le funzioni di base di un robot aspirapolvere, offrendo al contempo ulteriori impostazioni di pulizia; puoi scegliere se vuoi che effettui uno o due passaggi, che pulisca gli angoli e quando vuoi che usi la modalità tappeto.  Mediante app è anche possibile gestire piani settimanali delle pulizie. L’app, inoltre, fornisce utili informazioni, relative ad esempio alla cura del dispositivo.

Capacità di aspirazione.
Il Roomba 980 evidenzia una potenza di aspirazione eccezionale e, in virtù della presenza di una spazzola laterale, non arretra dinanzi allo sporco nascosto negli angoli.  Grazie al sensore ottico di riconoscimento suolo, il nostro robot di origine americana riconosce automaticamente i tappeti, esprimendo anche qui le massime performance e aspirando fino all’ultima briciola.  Tornando al test, né zucchero, né farina hanno rappresentato un problema per l’iRobot Roomba 980, al più tardi in entrambi i casi ha eliminato tutto lo sporco in un passaggio successivo.

Rumorosità.
Durante il suo lavoro, le persone presenti possono tranquillamente chiacchierare, poiché l’intensità acustica prodotta di norma è di 63 db circa.  Nella modalità tappeto, il Roomba 980 diventa nettamente più rumoroso, poichè accresce enormemente la potenza di aspirazione.

Riassumendo

Tra i sei robot aspirapolvere testati, il Roomba 980 è il più “goffo”; difatti, il bicchiere d’acqua risultava visibilmente spostato, il cuscino allontanato del tutto dalla superficie entro la quale si svolgeva il test, il supporto della lavagna non si trovava più dove era stato posizionato.  Per quanto concerne performance e praticità d’uso, il top di gamma di iRobot merita secondo me un bell’ottimo.  Al pari del PUREi9, il Roomba 980 si colloca nella fascia alta di prezzo, il che, a mio parere, è assolutamente giustificato.  È chiaro che, a chi ama arredare la propria casa con un’infinità di oggetti decorativi e vasi in vetro, o semplicemente ha l’abitudine di lasciare per terra il suo bicchiere d’acqua o addirittura una candela accesa, consigliamo sicuramente un altro prodotto.

Caricamento in corso.

Nessuna informazione sul prodotto trovata.

${ productMain.product_title }

CHF ${ productMain.price }
Vai al negozio

Prodotti correlati

Samsung Powerbot VR7000

Parlando del Powerbot VR7000, come nel caso di iRobot, ci riferiamo al top di gamma di casa Samsung.  Ho la sensazione che il Powerbot, fra tutti i 6 robot aspirapolvere, sia quello col design più sorprendente, il modello che colpisce di più.  All’interno della confezione di questo robot della nota azienda sudcoreana è possibile trovare, oltre allo stesso robot, la stazione di ricarica e un alimentatore – al di sopra ci sono un muro virtuale, un telecomando, unitamente alle batterie e ad un filtro di ricambio.

App.
Non è da ieri che Samsung realizza prodotti smart – il che ha reso ancora maggiore la mia delusione nel rendermi conto di non riuscire, anche dopo un’ora di tentativi, a controllare il robot con l’app.  Pare ci sia uno stratagemma per bypassare questo problema tra Powerbot e dispositivi iOS, che talvolta emerge, ma, in tutta franchezza, nel 2018 un apparecchio smart deve poter essere collegato allo smartphone al massimo al secondo tentativo, indipendentemente dal marchio e dal sistema operativo.  Probabilmente l’app si sarebbe rivelata ottima ed utile, ma per quanto riguarda questo articolo non ci è dato scoprirlo.

Capacità di aspirazione.
Il Powerbot appare molto potente e si dimostra tale anche quando è in funzione.  Con 20 Watt di potenza, aspira un bel pò e non deve temere nemmeno i tappeti. Sinceramente, nel nostro test il buon VR7000 ha dovuto faticare con farina e zucchero: ha sì aspirato entrambi ma ha spinto davanti a sè una considerevole quantità di sporco.  La volta successiva, ha cercato di depositare questi resti inosservato in un angolo della superficie che abbiamo testato.  Ma con NOI non ci è riuscito!  La nostra Canon EOS 5d ha catturato tutta la scena perfettamente e io ho emesso il mio verdetto.

Rumorosità.
Il dispositivo della Samsung era di gran lunga il più rumoroso fra tutti i modelli testati.  Nella modalità max. il VR7000 risulta veramente rumoroso quando parte, con 74 db ad una distanza di due metri.  E’ possibile parlare in modo indisturbato solo nella stanza vicina.  Niente panico però: il VR7000 dispone di tre diversi livelli di aspirazione e il più basso è davvero molto silenzioso.

Riassumendo

Il fatto di non poter collegare il VR7000 all’app mi ha veramente deluso e anche il fatto di spingere davanti a sè lo sporco non mi è proprio piaciuto.  Però il telecomando ha sufficientemente compensato questo aspetto, grazie ad esso si ha accesso a tutte le funzioni che il VR7000 offre – davvero bello!

Questo articolo purtroppo non è più disponibile presso di noi.

Scout RX2 Miele

Lo Scout RX2 Miele corrisponde esattamente all’idea che si ha di un robot aspirapolvere: un robot rotondo dal design semplice, con due spazzole laterali.  Le differenze con altri modelli si manifestano solo osservando la lista delle caratteristiche: lo Scout RX2 è l’unico che dovrebbe poter aspirare per una durata massima di 120 minuti. Inoltre l’utente può accedere alla videocamera integrata e può utilizzare il robot come strumento di sorveglianza della casa.  Nella confezione si trovano, oltre al robot e alla stazione di ricarica, anche un telecomando e un nastro magnetico per la delimitazione della zona da pulire.

App.
Come per tutti gli aspirapolvere testati, anche per lo Scout RX2 della Miele c’è un’app con cui si può azionare il robot.  O si potrebbe.  Ho cercato per quasi un’ora di collegare il robot allo smartphone, ma ho fallito miseramente.  Ciò significa, nuovamente, che purtroppo non possiamo dire nulla sulle funzionalità dell’app.  Tuttavia quel che si può dire a questo punto rispetto all’utilizzo della videocamera del robot come strumento di sorveglianza della casa è che non viene salvato alcun tipo di dato dallo Scout RX2 – nè sull’aspirapolvere, nè sull’app e/o sullo smartphone.  Dal punto di vista della privacy, il robot della Miele se la cava.

Capacità di aspirazione.
La capacità di aspirazione dello Scout RX2 della Miele è buona.  Ha rimosso senza fatica lo sporco che abbiamo portato, senza lasciare residui.  Il modello della Miele dispone di tre modalità di pulizia: normal, turbo e silent.  In modalità turbo, il robot si muove un pò più velocemente, purtroppo però riesce a catturare solo sporco leggero – in modalità silenziosa la capacità di aspirazione viene ridotta, per causare meno rumore.  Con il telecomando si ha la possibilità di azionare il robot manualmente, iniziare o mettere in pausa la pulizia, rimandare il robot alla base e impostare il timer.

Rumorosità.
I rumori di fondo dello Scout RX2, in rapporto ad altri aspirapolvere, sono più forti – ma non fa niente, perché per orecchi sensibili o per la pulizia spontanea nel cuore della notte, c’è pur sempre la modalità silenziosa. Nel nostro test abbiamo misurato, ad una distanza di due metri, circa 62 db, che corrispondono approssimativamente ad una conversazione normale.

Riassumendo

A dir la verità, lo Scout RX2 della Miele sarebbe un ottimo aspirapolvere, l’app non funzionante (o che funziona solo dopo averci “trafficato” tanto) è un vero punto dolente.  Il rapporto qualità-prezzo è ottimo, la capacità di aspirazione e il relativo effetto pulente sono buoni e viene fornito un telecomando che rende molto semplice l’azionamento manuale, senza però rappresentare un valido sostituto per un’app.

Caricamento in corso.

Nessuna informazione sul prodotto trovata.

${ productMain.product_title }

CHF ${ productMain.price }
Vai al negozio

Prodotti correlati

Ecovacs Deebot Ozmo 930

Il robot aspiratore con il nome più lungo fra i prodotti che abbiamo testato.  Anche l’elenco di ciò che viene fornito in dotazione è più lungo: oltre al robot e alla stazione di ricarica, chi compra il Deebot Ozmo 930 riceve un componente per aspirare i peli di animali, quattro spazzole laterali e un panno in microfibra.  Perché un panno in microfibra?  Perché il Deebot dispone di una funzione di pulizia con straccio umido integrata!  Può dunque aspirare e contemporaneamente lavare il pavimento.

App.
L’app disponibile per iOS e Android è semplicissima da utilizzare e l’aspirapolvere è collegato in pochi minuti via app e pronto all’uso.  Anche quest’app mostra una mappa della zona da pulire che permette di escludere determinate zone dalla pulizia o di pulirle più spesso e si può visualizzare anche lo stato di avanzamento della pulizia.  Tramite l’app si possono scegliere le diverse modalità di pulizia, gestire il sistema di temporizzazione e indicare la quantità d’acqua per la pulizia con panno umido.  Un’app molto ben riuscita, che viene aggiornata e migliorata regolarmente.

Capacità di aspirazione.
Deebot Ozmo 930 offre ottime prestazioni con un rapporto qualità – prezzo più che buono.  il Deebot dispone di un riconoscimento automatico della superficie, che aumenta la capacità aspirante non appena viene riconosciuto un tappeto.  Inoltre, in quanto orgoglioso proprietario di un Deebot Ozmo 930, si ha la possibilità o di aspirare solamente, di aspirare e passare lo straccio, di fare la pulizia per punti oppure di effettuare una pulizia di bordi e angoli.  Non abbiamo testato la funzione di pulizia con straccio, poiché il Deebot era l’unico robot con questa funzione.

Rumorosità.
Il Deebot Ozmo 930 lavora in modalità standard con un normale livello del rumore, mentre con questo test abbiamo definito la media di tutti i livelli di intensità acustica come normale.  Concretamente significa: 63 db in funzionamento normale.  Se il robot di Ecovacs riconosce un tappeto sotto di sè, diventa sensibilmente più rumoroso, ma torna di nuovo subito più silenzioso dopo la pulizia del tappeto.

Riassumendo

Il Deebot 930 Ecovacs è il modello più economico dei sei che abbiamo testato.  Apprezzo particolarmente la facilità della configurazione e l’app di semplice utilizzo, ma anche la funzione di pulizia con straccio dato che io non amo particolarmente lavare il pavimento.  Tuttavia non abbiamo ancora verificato se il Deebot offre buone prestazioni anche nell’ambito del lavaggio dei pavimenti.  Sinceramente, prima di questo test non avevo mai sentito parlare di Ecovacs o Deebot e sono pertanto colpito molto positivamente dal risultato – se continuano così e il rapporto qualità – prezzo rimane com’è, si accaparreranno certamente una fetta di mercato.  Consiglio assolutamente l’acquisto per piccoli budget con grandi esigenze.  O per pigroni come me.

Caricamento in corso.

Nessuna informazione sul prodotto trovata.

${ productMain.product_title }

CHF ${ productMain.price }
Vai al negozio

Prodotti correlati

Commenti

Numero commenti: 0

Per scrivere un commento, serve un account MEDIAMAG.

Non hai ancora un account? Vai alla registrazione